Toy il birichino

Su queste pagine dedicacate ai più piccini, racconteremo una favola che ha come protagonista proprio un bassotto :

 Toy il birichino.

Quando fu regalato ad Andrea, Toy aveva appena un mese.Somigliava ad uno di quei cagnolini di stoffa che recano una marca sulla quale c'è scritto "TOY". Perchè Toy, in inglese, significa proprio giocattolo.Altro che giocattolo !Questo piccolo cane ha un caratterino . . . Grazia e la gattina Minì hanno un po' paura di lui.

Combina sempre guai. Oggi voleva catturare il pesce rosso, e per afferrarlo, ha

cacciato tutta la testa nel vaso. Il povero pesce ha avuto la peggio,

ma Toy adesso è nei pasticci.

 

Andrea a gambe levate si reca dal veterinario chiedendogli di aiutare il suo amico a

quattro zampe, ma con un sorriso il dottore gli dice che non può fare nienteper lui,

 e gli consiglia di recarsi da un vetraio.

Per il vetraio, questo era un lavoro veramente insolito, ma in meno che non si dica, liberò il povero Toy da quella scomoda situazione.Toy se ne rimase zitto zitto: aveva capito di averla fatta grossa.

 I genitori di andrea erano disperati. Alla fine la decisione arrivò : Toy deve andare via!

Doveva andarsene a casa del mugniaio. Toy ed Andrea erano tristi, il bambino lo consolava dicendogli : vedrai che bel cortile . . . farai tante belle corse là !

Prossimamente la seconda parte.